Tre Latti Lari a caglio vegetale

Vino

Chardonnay

Miele

di acacia

Birra

chiara

Confettura

di zucca
Remo Busti racconta che nella Garfagnana dei primi del ‘900 era ricorrente la pratica di unire più tipologie di latte insieme, si rendeva necessità virtù producendo anche formaggi da animali che condividevano la stessa stalla, come pecore, capre e mucche. Per rievocare questa storica tradizione abbiamo messo a punto la ricetta, il Tre Latti Lari a caglio vegetale nasce dal perfetto equilibro dei tre latti che donano al formaggio caratteristiche organolettiche estremamente particolari e uniche. Dopo una prima maturazione di almeno 60 giorni in celle frigorifere del caseificio, il formaggio viene trasferito nell’antica grotta tufacea nella località di Lari, antico borgo medievale da cui prende il nome. Il formaggio rimarrà in grotta almeno 90 giorni, adagiato su assi di legno e paglia, a temperatura e umidità naturali e non sempre costanti.
Terminata l’affinatura, viene trattato in crosta con carbone vegetale che gli dona un’elegante veste nera.
L’utilizzo del caglio vegetale, estratto dal fiore del cardo, lo rende ideale per chi predilige un’alimentazione vegetariana.
Particolarmente adatto nell’utilizzo in cucina per essere grattugiato e scagliato su primi piatti e carni.
Latte OVINO, VACCINO, CAPRINO  – COD. LARI
Pezzatura Kg 2,500
Stagionatura MINIMO 150 GIORNI
Unità d’acquisto 2 o 4 FORME PER CARTONE
Conservazione CONSERVARE A +4°/+8°
Shelf Life 180 GIORNI

Latte di Origine Italiana

Il nostro latte ovino selezionato proviene da alcune aree di produzione della Toscana, zone di eccellenza per la raccolta del latte come la provincia grossetana, le Colline Pisane e Livornesi, la zona lungo la costa tirrenica da Vada a Suvereto e la zona del Parco di Migliarino – San Rossore – Massaciuccoli.
Continua a Leggere

Trippa Toscana

Dosi per 2 persone

Prendete 500 gr di trippa, lavatela e immergetela in abbondante acqua leggermente salata con mezza cipolla, mezzo sedano e mezza carota, che avrete portato ad ebollizione. Fatela cuocere per circa 5-10 minuti poi toglietela dall’acqua e fatela raffreddare in una ciotola. Quando si sarà raffreddata tagliate la trippa a strisce sottili e mettetela da parte. Preparate un battuto con i rimanenti mezza  cipolla, mezzo sedano e mezza carota,
aggiungendo l’aglio, la salvia e il rosmarino. In una casseruola mettete il battuto, l’olio e.v.o., un pò d’acqua e fate stufare per una decina di  minuti. A questo punto aggiungete la trippa e amalgamate il tutto. Dopo qualche minuto aggiungete il triplo concentrato di pomodoro e cuocete a fuoco basso. Per mantenere la  trippa umida e non farla attaccare al fondo della casseruola, bagnate sempre con un pò di brodo vegetale. Lasciate cuocere per circa 40 minuti.
La tradizione vuole che dopo la cottura, la trippa debba riposare almeno un giorno prima di essere consumata così da aumentare il suo sapore. Quindi riscaldate la trippa in una casseruola e servitela ben calda con una grattugiata di  Tre Latti Lari.

500 g trippa

200 g Tre Latti Lari a Caglio Vegetale

1 carota1 cipolla bianca

1 costa di sedano

2 spicchi d’aglio

1 cucchiaio colmo di triplo concentrato

brodo vegetale

salvia,rosmario

sale, pepe, olio e.v.o q.b

pentola
casseruola
coltello
ciotole varie
grattugia
Share This